La mia filosofia

chirurgo estetico elisa venditti

CHI SONO:

La Dott.ssa Elisa Venditti si è laureata a pieni voti in Medicina e Chirurgia presso la Facoltà di Orbassano, Torino.


Subito dopo l'iscrizione all'Ordine dei Medici di Torino, ha conseguito il Master de especilizaciόn en Cirugía Plástica Recontructiva Estética a Buenos Aires, in Argentina, dove ha eseguito numerosi interventi certificati, anche come primo operatore presso le più prestigiose cliniche private di Buenos Aires, come la “Clinica de el Golf”, la “Clinica Adventista”, specializzandosi soprattutto in interventi di chirurgia intima maschile e femminile.


Inoltre ha collaborato con il Dott. Gabriel Damiano Especialista en Cirugia de Cabeza y Cuello presso l' ”Hospital General de Agudos Dr. I. Pirovano” e la Dott.ssa Lucilla Mangas, presso il “Matienzo Hospital Center” di Buenos Aires.


Attualmente è Medico presso l' ”Ospedale Mauriziano Umberto I ” di Torino, presso il Reparto di “SC Chirurgia Plastica e Ricostruttiva”.


Pratica nel suo studio di Rivoli la libera professione nell'ambito della Chirurgia e Medicina Estetica, della dermochirurgia e dei trattamenti laser.


LA MIA FILOSOFIA


Per una persona sentirsi in armonia col proprio corpo è fondamentale, però molte volte la Chirurgia e la Medicina Estetica possono spaventare, poiché si ha paura di “non essere più se stessi”. Personalmente non credo nella Chirurgia Plastica ed Estetica che viene pubblicizzata in televisione o nelle riviste come “Chirurgia Estrema”, ma sono a favore di piccoli ritocchi che non cambino la fisionomia della persona; ma agendo in modo che i pazienti raggiungono una sensazione di benessere e, guardandosi allo specchio, possano apprezzare i risultati ottenuti, nel rispetto della propria identità.


COSA CONSISTE IL PRIMO CONSULTO?
Non è una visita superficiale, fatta di fretta, ma è uno studio del caso e di tutte le proposte che possono essere fatte non solo chirurgiche ma anche mediche per andare incontro all'esigenza del paziente, in rapporto ai risultati che si vogliono ottenere; spiegazione dell'iter del trattamento proposto nel pre-intervento, post intervento, complicanze; lettura insieme del consenso informato e dell'opuscolo informativo dell'intervento che si deve affrontare e chiarimento dei dubbi del paziente; spiegazione del metodo dell'esecuzione, delle possibili complicanze e rilascio del materiale come esami pre-operatori e ricette dei farmaci.
Troppe volte i pazienti non si sentono ascoltati e quasi buttati fuori dallo studio solo perché non sono ritenuti abbastanza interessati all'intervento chirurgico.


Tempo è sinonimo di ascolto e alleanza reciproca.
Quello che voglio offrire io è uno studio approfondito di ogni caso clinico, di ogni persona, con le proprie caratteristiche, con i propri desideri.
Per cui io credo che ogni paziente avrà un suo iter personalizzato in base a quale intervento vorrà fare, a come lo vorremo eseguire e a quale risultato vogliamo arrivare.


Share by: